Hot Topics

SPECIALE 67ma BERLINALE#4 – 9/19 FEBBRAIO 2017 (DAY 1)

67_Berlinale_Plakat_1

Inaugurata questa edizione con un film opera prima sulla persecuzione dei nazisti che non convince del tutto

(da Berlino la fattiva collaborazione di Marina Pavido – Le foto sono pubblicate per gentile concessione della Berlinale)

Proponiamo del film di apertura Django – biopic dedicato al musicista Django Reinhardt,  opera prima del produttore cinematografico Étienne Comar, le emozioni e non di Marina Pavido.  Alla sua uscita dalla sala ci confida che purtroppo il film soffre della poca esperienza  cosicchè lo sguardo del regista – al di là del dramma personale messo in scena – non si allontana mai dal protagonista, non cerca di indagare circa il contesto storico, non va alla ricerca di qualcosa di nuovo, di qualcosa che ancora non è stato raccontato. Il risultato finale è un film sì ben girato, ma anche un prodotto come già se ne sono visti a bizzeffe e del quale, purtroppo, non resta molto, al termine della visione. In realtà qualche pregio ce l’ha eccome. Molto intensi, ad esempio, i primi piani dedicati a Reda Kateb, indovinato protagonista della pellicola forse a “rischio” di premio, così come “coraggiose” e ben sfruttate sono le carrellate/contre-plongé cheDJANGO © Roger Arpajou

– nella scena iniziale – inquadrano uno ad uno i musicisti durante un’esibizione a teatro. Sempre d’effetto, tra l’altro, sono gli sporadici omaggi al cinema sparsi qua e là. Detto questo, Django non ha più niente da comunicare. Un film come tanti, un’ulteriore copia di quello che abbiamo visto da diversi decenni a questa parte. Si potrebbe addirittura affermare che – data la buona realizzazione unita ad una scarsa potenza dello script – questa opera prima di Étienne Comar possa classificarsi quasi come uno sterile esercizio di stile, che ben presto finirà nel dimenticatoio collettivo.Marina Pavido

Be the first to comment on "SPECIALE 67ma BERLINALE#4 – 9/19 FEBBRAIO 2017 (DAY 1)"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*