Hot Topics

La Francia (nulla cambi e tutto resti com’è) e i valzer di Valls

Manuel ed Emmanuel guideranno la Francia. Ma non facevano abbastanza confusione a Parigi?
Bello non sono, ma guardate altre foto: sempre meglio di Hollande...

Bello non sono, ma guardate altre foto: sempre meglio di Hollande…

Foscolo e la sua opinione su Machiavelli: “…temprando lo scettro ai regnatori, gli allor ne sfronda ed alle genti svela di che lacrime grondi e di che sangue”. Il fatto è che certi eventi, come quest’idea espressa nei Sepolcri, per brutti che siano, risultano rivelatori. E non guasta. Possibile che, fra mille reminiscenze liceali, questi siano i versi che più ci tornano in mente? Può Foscolo battere l’amato Dante di cui conosco a memoria almeno 3 canti e mille pezzi sparsi qua e là? Ah, l’Alighieri, si difende da sé: “Per me si va nella città dolente, per me si va nell’eterno dolore, per me si va fra la perduta gente…”. E già, anche il papà del Bel Paese là dove il sì suona si fa sentire. Ma non aveva in mente Parigi o Bruxelles? Chi sa che cosa ne direbbe adesso: Ah serva Europa – forse – di dolore ostello, nave senza nocchiero in gran tempesta, non donna di provincia, ma bordello!

Beh, scusateci, visto che parafrasiamo, facciamolo con la più famosa frase della letteratura

Le orecchie a sventola non sono un buon segno, ma ...so anche essere fiero. Vedete?

Ma …so anche essere fiero. Vedete?

 

siciliana, sconsolata come l’Isola in cui fu scritta. Non il gattopardiano “che tutto cambi perché tutto resti com’è”, bensì, riferito alle recenti consultazioni francesi: “che nulla cambi e tutto resti com’è“. Sulla nostra Isola, al momento, ci abbiamo messo una …Crocetta sopra. Pardon! Ma adesso i poeti diventiamo noi. Il verso sorge spontaneo come fosse scritto da Lubrano: “Oh Francia un tempo patria di valorosi enfant prodigio, ti resta sol di Parigi il cielo grigio!”

E spunta fuori un nuovo enfant prodige: Emmanuel era il primo, Manuel è questo.

Perché Hollande non è contento? A che cosa pensava?

Non mi piacciono questi presuntuosi giovincelli!

Cognome Valls. Vince le strane elezioni transalpine il Carneade, per molti di noi, poveri ignoranti, Macron, senza avere un partito. Dice: Ma è un buon partito? Un cattivo partito? No: non è ha per niente. Né buono, né cattivo. Ci penserà Valls, che era primo ministro con Hollande. Sì: fior di critici e non critici plaudono al cambiamento. Sarà!

Si diceva, già da tanto, che erano morti o partiti, ma soprattutto le ideologie. In realtà, come spieghiamo altrove, non è così. Valls, però, si accorge a Parigi, con un po’ di ritardo che è morto il socialismo. Lento il ragazzo. O no? Se lo dice lui, comunque…

Sembra un necrologio, il suo: “I vecchi partiti stanno morendo o sono morti”, ha detto Valls.  “Il partito socialista è morto. Non i suoi valori e la sua storia, ma ormai è il passato. Tutti quelli che si riconoscono nel progetto riformista (così dice) di Emmanuel Macron dovrebbero impegnarsi pienamente”. Parola di Manuel Valls, insomma, è uno che pochi mesi fa aveva preso un uppercut dal suo elettorato, ma ora, sentendosi contato solo fino ad 8, si è rialzato in piedi.

“Mi candiderò – afferma – per la maggioranza presidenziale e desidero unirmi al nuovo ..

Con le brune sono scioltissimo...

Con le brune sono scioltissimo…

.movimento”. Come Carneade, lo è meno di Macron. Lui è l’ex primo ministro socialista, pronto a trasformarsi in liberale, ha i gradi per trinciare giudizi. Parla a ruota libera di morte e resurrezione e lo fa alla prima occasione: in un’intervista alla radio Rtl.

Valls ha anche invitato tutti …i deputati uscenti, progressisti e quanti hanno esortato a votare Macron prima del primo turno, quanti “auspicavano una sua vittoria”, a fare come lui. Un modo per offrire a chi ha appena liberato …l’Europa intera dallo spettro delle due gentili – ma non per loro – madame Le Pen un partito in confezione regalo.

Come finirà questa storia da melodramma? Sarà un’operetta e si concluderà con un tace il labbro e con un libiamo? Ovvero sarà un’opera dal finale a fosche tinte? Walls ha dimostrato già di saper danzare il valzer.

...ma le bionde le annuso, anche.

…ma le bionde le annuso, anche.

Interpreterà la parte del fortunato Conte Danilo? Oppure la politica francese farà una fine “violetta”? A. Dumas Fils stigmatizzò tristemente i sogni difficili…

Scaramacai

(Vedi nella rubrica politica gli altri nostri scritti)

Be the first to comment on "La Francia (nulla cambi e tutto resti com’è) e i valzer di Valls"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*