Hot Topics

Enna e La processione del Venerdì santo in prosa e in versi

I primi confratelli ."gli incappucciati" nel Venerdì santo, aprono il corteo reggendo il manto della Madonna AddolorataI primi confratelli ."gli incappucciati" nel Venerdì santo, aprono il corteo reggendo il manto della Madonna Addolorata
La drammatica apparizione della Madonna Addolorata trainata dagli "incappucciati" tra la folla commossa.

La drammatica apparizione della Madonna Addolorata trasportata dagli “incappucciati” tra la folla commossa. Donne e uomini lanciano baci al massimo simbolo della maternità e dell’obbedienza al Signore.

 Ricorrenza pasquale speciale ad Enna. La processione del Venerdì Santo ennese vanta secoli di storia. Risale, infatti, al periodo della dominazione spagnola in Sicilia ( secoli XVI-XVIII) quando le confraternite vennero autorizzate a costituirsi in organizzazioni religiose per promuovere il culto, ricevendo dai sovrani norme precise e privilegi. Nel 1740 a Enna ce n’erano 34 che oggi si sono ridotte a 15; però con un’eccellente organizzazione che è il perno delle manifestazioni della Settimana Santa. Sono 2500 i confrati che nel loro tipico costume di ‘incappucciati’ seguono assieme alla banda la vara con la statua di Gesù Crocifisso, in un silenzio pieno compenetrazione per il lutto della Madonna che segue il Figlio col cuore infranto.

______________________________________________________________________________

 

La pianta di Enna con il percorso della processione. L'evento religioso e folcloristico è stato inerito nel calendario di interesse Regionale ed è protetto dall'Unesco. Quello contrassegnato è il Duomo, partenza e arrivo della processione. L'evento porta ad Enna molte migliaia fra visitatori e turisti, guidati dal sentimento religioso e dallo spettacolo. Queste processioni sono contrassegnate da puntuali momenti di commozione.

La pianta di Enna con il percorso della processione. L’evento religioso e folcloristico è stato inerito nel calendario di interesse Regionale ed è protetto dall’Unesco. Quello contrassegnato è il Duomo, partenza e arrivo della processione. L’evento porta ad Enna molte migliaia fra visitatori e turisti, guidati dal sentimento religioso e dallo spettacolo. Queste processioni sono contrassegnate da puntuali momenti di commozione.

Passa l'urna con Gesù morto.

Passa l’urna con Gesù morto. Per i cristiani la Sua morte è un trionfo. Gesù Cristo aiuta l’umanità nella lotta per sconfiggere il Male e se ne fa protagonista, offrendosi al massimo sacrificio, nel corpo d’un uomo. Tale supremo omaggio divino  consacra anche l’importanza del corpo  come “albergo” dell’anima…

Un suggestivo crocefisso di fuoco fa parte della processione.

Un suggestivo crocefisso di fuoco che si illumina alla conclusione nella serata fa parte della processione.

Gli incappucciati all'interno del Duomo di Enna. E' il capoluogo alla maggior altitudine in tutta Italia.

Gli incappucciati all’interno del Duomo di Enna. E’ il capoluogo alla maggior altitudine in tutta Italia. In Sicilia il sentimento cristiano è molto radicato ed anche altre città dedicano storiche rappresentazioni pasquali, “vie crucis” coreografiche e funzioni particolarmente solenni con addobbi speciali nelle chiese.

A PRUCISSIONI SFILA

A prucissioni sfila

silenziusa
è lu Venniri Santu
di l’Ennisi
Câ facci ‘mmucciata
‘i tila bianca
avànzanu
i confrati dâ Passioni
purtannu ’ntê guantèri
‘ncapu i vrazza
tutti l’arnesi
dâ Crucifissioni
A curuna di spini
longhi chiova
lu flagellu chî punti
pû martiriu
‘na spugna
china d’acìtu
e feli amaru
l’ultimi gocci
ca i labbra
arrifriscaru
E poi lu gaddu
lu gaddu addurmintatu
ornatu ‘i nastri
di milli culura
lu gaddu ca cantò
pî traditura
‘Na prucissioni fatta
‘i milli genti
‘ntê manu
‘na cruci
e un lampiuni
camìnanu
a passi
lenti lenti
‘ncadenza
cu la banna
ca sona mesta
‘na musica di morti
e non di festa
Nun è festa
pi Enna
‘sta jurnata
è ranni luttu
‘nzina a la nuttata
Vergini bianchi
accumpagnanu u Signuri
cu l’angileddi
ca pàrunu acidduzzi
vistuti ‘i sciuri
e veli colorati
U cori di Gesù
illuminatu
di sciuri tutti russi
‘mprofumatu
Nun si senti
lu sciatu
né parola
è muta
Enna
e cu lu sguardu
a l’Urna
talìa
ddu Cristu
ca pari fattu ‘i carni
purtatu a spadda
ca passa
‘ncapu i testi
La Matri Addulurata
L’accumpagna
un pugnali
Cci ha trafiggiùtu
u cori
e cala sangu
di l’occhi Soj
brusciàti
di chiantu e di duluri
pi lu Figliu
Di cira
è la So’ facci
comu morta
e un mantu nìuru
La ‘ntruscia
‘nzina ê pedi
mentri la banna sona
suttacantu
camina a vara
ccu movimentu lentu
Chiangi la genti
e prega
muta muta
E a prucissioni
sfila
silenziusa
pi tutta la città
ô cimiteru
cû li duj vari
ô passu dî confrati
ritmatu
supra la musica
lentu
strascinatu
E’ jornu di duluri
’ntô paisi
E’ lu Venniri Santu
di l’Ennisi
(Corrispondenza da Enna di Pippo Algozzino, impaginazione e didascalie di Germano Scargiali)

Be the first to comment on "Enna e La processione del Venerdì santo in prosa e in versi"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*