Hot Topics

Energia: il protocollo Regione – Gse sulla sostenibilità

Il prezzo dell'energia elettrica è ancora aumentato all'inizio dell'estate 2018. Roma non può "farci" nulla ed anche l'effetto inflattivo è evidente. L'UE aveva detto stop all'inflazione. Invece è stato stop a 
 qualunque forma di  "contingenza". La sola difesa sul piano locale  e familiare è l'efficientamento: il risparmio energetico...Il prezzo dell'energia elettrica è ancora aumentato all'inizio dell'estate 2018. Roma non può "farci" nulla ed anche l'effetto inflattivo è evidente. L'UE aveva detto stop all'inflazione. Invece è stato stop a qualunque forma di "contingenza". La sola difesa sul piano locale e familiare è l'efficientamento: il risparmio energetico...

E’ stata siglata a Palermo una nuova partnership tra la Regione Siciliana e il Gestore dei Servizi Energetici – Gse Spa. Il presidente della Regione, Nello Musumeci e il presidente del Gse, Francesco Sperandini hanno, infatti, firmato un Protocollo d’intesa, della durata di tre anni, che si pone l’ambizioso obiettivo di promuovere lo sviluppo sostenibile sul territorio, attraverso il monitoraggio e l’incremento delle fonti rinnovabili, l’efficienza energetica e la mobilità sostenibile. Alla stipula erano presenti anche l’assessore dell’Energia e dei servizi di pubblica utilità, Alberto Pierobon, e il dirigente del Dipartimento, Tuccio D’Urso, per conto della Regione e Gabriele Susanna direttore efficienza energetica, Attilio Punzo direttore monitoraggio operativo e Flaminia Barachini direttore Governance, per conto del Gse.

Lampadine sempre nuove. Il progresso ci aiuta... Questa è una moderna "ad incandescenza" e a risparmio, ma il maggior risparmio si ha con le lampade led.

Lampadine sempre nuove. Il progresso ci aiuta… Anche una moderna lampada “ad incandescenza” è …a risparmio: molta luce, poco consumo. Ma il maggior risparmio si ha con le lampade led (light emitting diode cioè diodo ad emissione di luce).

L’accordo si inserisce in un più ampio percorso di affiancamento e supporto alle Regioni italiane con l’obiettivo di sviluppare le fonti rinnovabili in un’ottica di integrazione con i singoli territori e di valorizzarne le peculiarità. La Sicilia, nota per la forte presenza di impianti di energia rinnovabile, si avvia ad essere una delle principali regioni caratterizzata da notevoli potenzialità grazie all’elevata percentuale di irradiazione solare.

“Con questo accordo – afferma il presidente Musumeci – ci dotiamo di strumenti in più, utili nel cammino già avviato e volto all’utilizzo di fonti rinnovabili e di energia pulita e sostenibile sul nostro territorio. Quello firmato stamane è il primo fra i protocolli che Gse sta avviando con le Regioni italiane, la Sicilia è quindi capofila di un percorso strategico che riguarderà l’efficientamento energetico sull’intero territorio nazionale”.

Il Gse supporterà la Regione nella stesura del nuovo Piano energetico ambientale regionale, in modo da garantire la compatibilità del Piano stesso con le linee di indirizzo definite a livello europeo e recepite a livello nazionale attraverso la Strategia energetica nazionale. L’obiettivo è quello di assicurare una piena armonizzazione tra i Piani regionali e la visione nazionale dello sviluppo del settore.

“Con la Regione Siciliana – ha osservato il presidente Sperandini – si è creato subito uno spirito di fattiva collaborazione: è la bellezza, è l’arte, è la storia,è la cultura, elementi qualificanti la sostenibilità e lo sviluppo. Non poteva essere altrimenti e Gse è orgoglioso di questa firma. Quella di oggi è la prima tappa di un percorso virtuoso di avvicinamento delle Istituzioni al territorio, da replicare anche ad altre Regioni, per favorire uno sviluppo sostenibile delle Fonti di energia rinnovabile e l’incremento dell’efficienza energetica».

L’Accordo prevede anche la creazione di due Tavoli di lavoro focalizzati sull’energia e sulla efficienza energetica. Il ‘Tavolo Energia’ consentirà di monitorare le performance degli impianti esistenti, effettuando una mappatura delle aree ‘ad alto potenziale’ funzionali  all’installazione di nuovi impianti a fonti rinnovabili. Particolare attenzione sarà dedicata alla definizione, di concerto con gli enti locali, di un perimetro di aree dismesse (aree industriali, cave e miniere esaurite, aree da bonificare e discariche).

Strumenti per il controllo energia: evitare di consumare più dello stretto necessario. ..

Strumenti per il controllo energia: evitare di consumare più dello stretto necessario. ..

Spetterà, invece, al ‘Tavolo efficienza energetica ed energia termica’ valorizzare i meccanismi di funzionamento del Conto termico, in continuità con il progetto già avviato dal Gse ‘Sostenibilità in Comune’, e individuare un primo nucleo di edifici da efficientare. Uno Sportello dedicato (Sportello Efficienza) sarà attivato per gli enti locali per fornire informazioni sul Conto termico e su altri bandi regionali, condividendo le best practice di settore.

(Da un comunicato ufficiale)

________________________________________

NOTA

Ci sono stati anni in cui non avremmo mai creduto di tornare a spegnere la luce dietro la schiena di stanza in stanza. L’Italia paga le conseguenza del no al nucleare, nell cui sperimentazione scientifica resta, comunque all’avanguardia, forse la prima al mondo. E’ stata, però, l’unica nazione al mondo che al no del referendum ha tratto il provvedimento concreto di stoppare il nucleare.

Infine, è sopraggiunto il caro petrolio: una speculazione pura camuffata dalla panzana dell’esaurimento delle scorte naturali

Le fonti alternative tipiche, se non sono dirette alla produzione di idrogeno, non riusciranno mai a coprire il fabbisogno, né a dare continuità al “sistema” dell’approvvigionamento.  Non ci vuole Zichichi per ricordarci che il nucleare non crea problemi di trasporto di combustibile e non emette CO2 (non è una combustione). Se si usasse l’idrogeno, il problema si “sgonfierebbe”. La centrale di Venezia, che doveva servire di esempio al mondo intero è stata misteriosamente chiusa. In ogni caso il problema energetico cesserà di esistere con l’imminente avvento delle “fusione” nucleare, già sperimentata in Italia in laboratorio e in continuo progresso…

Frattanto, non resta che “efficientare” il sistema, risparmiare come in un nuovo Medio Evo e, così, i provvedimenti in proposito sono i benvenuti. OK Musumeci,dunque,anche perché la politica attuale giova a ridurre  l’inquinamento: non tanto quello dell’intera atmosfera – i cui problemi non poggiano su alcuna base scientifica certa ma solo su mere ipotesi – quanto  certamente quello locale.

 

Anche il prezzo del gas naturale all'utenza aumenta.E' grave: l'energia è tutto,per le famiglie e per l'industria e i trasporti. Frattanto le pensioni sono "anelastiche".E' ovvio che, assieme a nuovi provvedimenti assistenziali si dovrebbero adeguare quelli in corso...

Anche il prezzo del gas naturale all’utenza aumenta. E’ grave: l’energia è tutto,per le famiglie, per l’industria e per i nevralgici trasporti. Frattanto, stipendi e pensioni sono “anelastici”.E’ ovvio che, nuovi provvedimenti assistenziali non si dovrebbero adottare senza anche adeguare redditi e previdenze in corso…. (G. Scargiali)

Be the first to comment on "Energia: il protocollo Regione – Gse sulla sostenibilità"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*