Hot Topics

31 ° Tokyo International Film Festival: non solo il Giappone ma anche l’Italia riceve il dovuto riconoscimento

nullnull

181102_award_winnersAlla Cerimonia di premiazione del 31 ° Tokyo International Film Festival non solo il Giappone ma anche l’Italia riceve il dovuto riconoscimento.

La cerimonia, pressol’ex  Theatre Roppongi, è iniziata con l’annuncio dei vincitori del Tokyo Gemstone Award, istituito lo scorso anno per onorare attori e attrici emergenti. Quest’anno sono stati premiati Mai Kiryu (Mentire per la mamma, Il crisantemo e la ghigliottina), Lien Binh Phat (La scatola dei tocchi), Karelle Tremblay (Le lucciole sono sparite) e Nijiro Murakami (La pistola).

Kiryu, che è apparso in non uno ma due film al TIFF di quest’anno, ha ringraziato il cast e la troupe di entrambi, affermando: “Considero questo un premio per tutti quelli che hanno lavorato a quei film”.

Lien Binh Phat, l’attore vietnamita che si è guadagnato l’elogio per il suo debutto teatrale in The Tap Box, ha commentato: “È a causa di The Tap Box che sono qui sul palco … Sono grato al film dal profondo del mio cuore. ”

Karelle Tremblay, una stella canadese in ascesa che è apparsa come un’adolescente problematica in The Fireflies Are Gone, ha dichiarato che il TIFF ha offerto due primati: non solo era la prima volta che l’attrice vinceva un premio, era la prima volta che lei viaggiava in Giappone. L’attrice ha aggiunto: “Sono onorato ed entusiasta di essere qui”.

Nijiro Murakami, che interpretava uno studente universitario disturbato nel thriller psicologico The Gun, ha raccontato di aver incontrato per la prima volta il produttore del film al TIFF tre anni fa. “Sembra che il destino si trovi qui ora”, ha detto l’attore.

E’ seguito il premio al  Cinema Splash Best Director. Il membro della giuria Paolo Bertolin ha spiegato che la giuria ha scelto di assegnare il premio a due registi, uno “rookie” e l’altro “esperto ma ancora devoto al cinema indipendente”. In particolare il premio è andato al veterano Masaharu Take for The Gun e al regista esordiente Seiji Tanaka per Melancholic. Take ha osservato che, proprio come Nijiro Murakami, ha avuto la possibilità di incontrare il produttore di The Gun al festival tre anni fa, aggiungendo: “Non avevo idea che sarei stato qui tre anni dopo con un film prodotto da lui. ” Mentre Tanaka ha rivelato che Melancholic è stato effettivamente completato lo stesso giorno della scadenza per il TIFF. Ha ringraziato l’intero cast e la troupe e “tutti coloro che lo vedranno in futuro”.

Il secondo premio Splash Best Film Award è andato a Lying to Mom,  commedia drammatica che dà a una famiglia in lutto più di quanto si aspettasse. Il membro della giuria, Bertolin, ha elogiato il film per la sua “sorprendente maturità nel modo in cui tratta temi complessi” e “il suo ritratto inventivo e commovente delle relazioni familiari”. Accettando il premio, il regista esordiente Katsumi Nojiri ha osservato: “Ho iniziato a scrivere la sceneggiatura quattro anni fa, e non avrei mai immaginato che quattro anni dopo sarei rimasto qui. Un vecchio regista che conosco mi ha detto che un regista non è qualcosa che diventi, è qualcosa che le persone intorno a te ti permettono di diventare. Voglio ringraziare il mio cast e la troupe per avermi permesso di diventare un regista. ”

Successivamenteper la sezione Futuro asiatico il premio Spirit of Asia del Japan Foundation Asia Center è stato consegnato al regista Huang Huang per il suo film Wushu Orphan, incentrato sulla relazione tra un insegnante e uno studente nella Cina rurale degli anni ’90. Pete Teo, membro della giuria di Asian Future, ha elogiato Huang per il suo “sofisticato stile visivo e narrativo” e “ampiezza della visione cinematografica”, aggiungendo che la giuria non vede l’ora di lavorare in futuro. Huang, accettando il premio, ha ringraziato la giuria e il pubblico del film del TIFF in inglese, giapponese e cinese, aggiungendo: “Un giorno potrei diventare parte del” passato asiatico “, ma per ora, grazie per questo premio Asian Future.”

Sempre per Asian Future, il premio per il miglior film, è andato a A First Farewell, il dramma giovanile della regista esordiente Lina Wang su un ragazzo contadino musulmano in Cina e, come suggerisce il titolo, una significativa separazione. Sul palco, Wang ha rivelato: “In realtà, la bambina del film era di recente in una staffetta, ma non ha vinto, quindi questa è la sua vittoria”, dedicando il premio a lei.

Ma passiamo adesso alla sezione dei film in Concorso del festival.

ANOTHER WORLD

Il premio del pubblico, che è andato a Another World, il dramma di tre vecchi amici che si ricongiungono, dal regista Junji Sakamoto.  “Non mi aspettavo certo di vincere”, ha commentato Sakamoto dopo aver indossato il cappotto commemorativo viola del premio. “Grazie a tutti coloro che hanno capito il film, ea quelli che non lo hanno capito”.

AMANDA

Invece il premio per la migliore sceneggiatura di WOWOW, assegnato ad Amanda, il dramma francese su una famiglia alterata per sempre da un attacco terroristico a Parigi. La sceneggiatura di Amanda è stata co-scritta da Maud Ameline e dal regista Mikhaël Hers, quest’ultimo ha aderito alla cerimonia tramite un videomessaggio per accettare il premio: “Voglio dedicare tutto questo a Maud Ameline”, ha detto. “Volevo creare un ritratto di Parigi in tutta la sua fragilità e bellezza, ed era perfetta per scriverlo.”

Il premio per il miglior contributo artistico è andato a The White Crow,  film biografico diretto da Ralph Fiennes del ballerino Rudolf Nureyev. La produttrice Gabrielle Tana è salita sul palco, condividendo che a Fiennes si è divertito molto a Tokyo e che il premio è stato un onore.  “Il film è stato un vero e proprio lavoro d’amore”, ha aggiunto Tana, “e penso che ciò si rifletta in esso”.

Before the frost

Il premio come miglior attoreè andato all’attore Jesper Christensen per il suo ruolo di patriarca nella Danimarca rurale dell’Ottocento in Before the frost. Christensen, in un video messaggio, ha commentato: “Venendo dal Giappone, uno dei miei paesi cinematografici preferiti, questo non potrebbe essere migliore. Buona serata, so che lo farò! ”

Il vizio della speranza

Il premio per la migliore attrice, che è andato a Pina Turco per la sua performance in Il vizio della speranza come donna che lavora come prostituta, la cui vita cambia quando rimane incinta. L’intensa performance è stata elogiata dal membro della giuria del concorso Kaho Minami, che ha osservato: “In questi giorni, sentiamo le donne parlare per i loro diritti e abbiamo imparato molte cose dalla vita delle donne in vari film. Quest’anno abbiamo visto la vita di una donna meravigliosa. I sentimenti complicati mostrati dietro i suoi occhi erano indimenticabili. ” Il regista Edoardo De Angelis ha accettato il premio, mentre Turco ha partecipato alla cerimonia tramite un video messaggio, scusandosi – con ruggiti di approvazione da parte del pubblico – che la ragione per cui aveva lasciato Tokyo era partecipare al matrimonio di sua sorella.  “Amo Tokyo, adoro questo festival e adoro questo film”, ha concluso.

Ma la migliore attrice non doveva essere l’unico premio per The Vice of Hope. Edoardo De Angelis è stato rapidamente riportato sul palco come il vincitore del prossimo premio come il miglior regista. Il membro della giuria Stanley Kwan di De Angelis ha detto: “Apprezzo che sia un regista che ha mostrato vera preoccupazione per i suoi personaggi, con comprensione ci ha portato in un viaggio emotivo accanto ai suoi personaggi “.

Il Regista De Angelis ha aggiunto: “Mi interessa il momento del precario equilibrio tra la vita e la morte … un minuto prima della morte, puoi trovare un altro modo di vivere. Questo, per me, è un lieto fine. ”

Il Vice of Hope non è stato l’unico film a vincere più premi: il penultimo premio della serata, il Premio speciale della giuria, infatti è andato a Before the Frost, che aveva anche ricevuto il premio come miglior attore. Il membro della giuria Bryan Burk ha elogiato il film, affermando che la giuria ha visto “la passione del regista in ogni cornice” e che “le performance ti ricordano la potenza del cinema”.

Sul palco, il regista sorpreso Michael Noer ha iniziato il suo discorso affermando: “Mi piace quando gli attori improvvisano sul set, e ora sembra che dovrò improvvisare un discorso, ma il mio cuore mi guiderà attraverso di esso.”

Before the Frost

Before the Frost è prima di tutto una storia di un padre. Noer ha rivelato che suo padre è morto recentemente e non ha visto il film, ma ha considerato la performance di Jesper Christensen nel film “una versione di mio padre”.

Infine, è arrivato il momento del premio più prestigioso del festival: il Tokyo Grand Prix / Il Governatore del Premio Tokyo. Quell’onore è andato al dramma francese Amanda, che aveva anche ricevuto il premio per la miglior sceneggiatura. Il presidente della giuria Brilliante Ma Mendoza ha commentato che Amanda è “un film apparentemente semplice, ma non semplice” e “una storia di complesse emozioni umane”. Al posto del regista Mikhaël Hers, il premio è stato ricevuto dall’ambasciatore francese in Giappone, Laurent Pic, che ha osservato che “Tra i registi francesi, Hers è spesso considerato il più giapponese.” Lo stesso Hers, tramite un videomessaggio, ha dichiarato: “Non sono abituato a vincere premi, quindi ottenere due, tanto meno il Gran Premio, è un tale onore. Non vedo l’ora che possa tornare di nuovo in Giappone. ”

Brillante Mendoza

Brillante Mendoza

Brillante Mendoza ha commentato la sua esperienza così:  “La giuria si è divertita così tanto insieme. Negli ultimi giorni, è stato piuttosto difficile scegliere i vincitori a causa della vasta diversità dei film. “Ha aggiunto un grazie a chi dietro le quinte, come gli assistenti alla regia, i responsabili della produzione e molti altri, nonché il personale volontari del TIFF per la loro” gentilezza, ospitalità e cordialità. ”

 

 

Be the first to comment on "31 ° Tokyo International Film Festival: non solo il Giappone ma anche l’Italia riceve il dovuto riconoscimento"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*