Hot Topics

I numeri dicono sì al governo sull’immigrazione

Simili a navi cisterna, in ogni caso vecchie tinozze: Ecco la La Iuventa, una delle tante navi Ong. Il fenomeno Ong pare sia sostenuto dal plurimiliardario George Soros. Qui si atteggia a filantropo. Perché faccia tutto ciò è un altro dei suoi misteri. L'opinione pubblica sul fenomeno dell'immigrazionemsddivvis, è divisa in almeno tre atteggiamenti: chi parla di invasione, chi è disposto ad aiutare i migranti con misura, ma soprattutto "a casa loro" i migranti, chi è per l'accoglienza comunque... Soros ha anche ammesso di far saltare le borse ogni tanto, per dimostrare "la stupidità del sistema". Quanto a stupidità non ne manca in giro: c'è anche chi lo premia...Simili a navi cisterna, in ogni caso vecchie tinozze: Ecco la La Iuventa, una delle tante navi Ong. Il fenomeno Ong pare sia sostenuto dal plurimiliardario George Soros. Qui si atteggia a filantropo. Perché faccia tutto ciò è un altro dei suoi misteri. L'opinione pubblica sul fenomeno dell'immigrazionemsddivvis, è divisa in almeno tre atteggiamenti: chi parla di invasione, chi è disposto ad aiutare i migranti con misura, ma soprattutto "a casa loro" i migranti, chi è per l'accoglienza comunque... Soros ha anche ammesso di far saltare le borse ogni tanto, per dimostrare "la stupidità del sistema". Quanto a stupidità non ne manca in giro: c'è anche chi lo premia...

E’ difficile dire che il “no” agli “barchi”, assieme all’intera politica di fermezza nei confronti dell’emigrazione “selvaggia” sia sulla cattiva strada.

Oggi i rilievi di tipi statistico funzionano: i dati della battaglia per ridurre gli sbarchi clandestini dicono che sono stati 22 mila nel 2018 contro i 119 mila del 2017 e ai 181 mila del 2016.

Il decreto sicurezza, a sua volta,appena varato dal Governo con l’approvazione delle Camere, si limita ad evitare – nello specifico – che il permesso di soggiorno per i richiedenti consenta l’iscrizione anagrafica, pur costituendo documento di riconoscimento.

Salvini si è messa la cravatta per incontrare Trump e Putin.Sempre meno italiani gli danno torto.

Salvini si è messa la cravatta per incontrare Trump e Putin. Sempre meno italiani gli danno torto. C’è chi teme un neo fascismo. Il “ragazzo della via Gluck” nuovo Mussolini? Sarebbe troppo no?

salvini-putin-2Iscrizione anagrafica significa rilascio della carta d’identità che ha valore decennale. Come si può immaginare il rilascio di un documento di permanenza definitiva a persone che in gran parte si vedranno bocciata la richiesta di asilo? Sarebbe un evidente non senso

Il mancato rilascio dell’iscrizione anagrafica non impedisce agli immigrati di ricevere i servizi essenziali: servizio sanitario nazionale, scuola per i figli, accesso al lavoro eccetto il caso in cui dopo 60 giorni dalla presentazione della domanda di asilo la pratica si sia esaurita. Su 40 mila persone che negli ultimi anni si sono viste riconoscere il diritto di asilo, solo 3200 hanno trovato un lavoro stabile. E’ ovvio che, se è difficile per gli italiani, soprattutto giovani, ma anche meno giovani, lo sarà anche per gli immigrati. Semmai di più. Tranne il caso di sfruttamento e di…riduzione in schiavitù o quasi.

Qui nessuno gli dà torto. Come dargliene?

Qui nessuno gli dà torto. Come dargliene? Nella foto di “Look da Vip”, Elisa Isoardi. Si è detto che gli stirasse anche qualche camicia. Ora sono in ritta: “ma dove la trovi una così?”

Come si evince da quanto sopra, bastano poche parole per capire che non trattasi di carità o misericordia. Il problema esiste nei suoi complessi contorni. L’ospitalità non può essere garantita “senza fine. Esistono già delle norme che hanno un senso e vanno applicate con logica giuridica e pratica.

L’opposizione non può ragionare a “senso unico” contrastando un governo quando sono in ballo le sorti dell’Italia e il prestigio della Nazione, che in fatto di ospitalità, dimostra comunque di brillare. Tanto più che, se quest’opposizione fosse stata al governo, non è detto che non avrebbe preso, a lume di ragione, decisioni similari…

(D.)

Be the first to comment on "I numeri dicono sì al governo sull’immigrazione"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*