Hot Topics

No Tav fra malafede ignoranza e stupidità

Eurostar, in Europa treni da Tav per tutte le stagioni.Eurostar, in Europa treni da Tav per tutte le stagioni.

La più eclatante prova della malafede o del contenuto ideologico dell’atteggiamento “no Tav” ce la fornisce Grillo, pur ripetendo in pratica Toninelli: …i trasporti su ferrovia sarebbero – secondo l’ex comico –  in via di obsolescenza…

Sono anni che “la sinistra“, dei cui ‘sentimenti’ i grillini sono fondamentalmente gli epigoni, fa da cassa di risonanza ad una opinione propagandata attraverso media e opinion leader, che si basa su una menzogna e fa leva sull’ideologia e nella sostanziale menzogna. Una fola creata dalla falsa cultura, da quei poteri che stanno ritardando lo sviluppo facendo leva sull’ignoranza, la credulità  e i superstiziosi timori di tanta gente…
La verità è che le ferrovie sono insostituibili, sono un anello fondamentale del sistema dei “trasporti intermodali” e non hanno alternativa sulla terraferma, se non per il tratto finale,che spetta al “gommato”.

Se la Tav non passasse dall’Italia, passerebbe sopra l’arco alpino con gioia dei bavaresi. Essa collega l’Occidente con l’Oriente da Capo Finisterre a Pechino, quel percorso che uomini preistorici iniziarono a compiere a piedi migliaia di anni or sono… Avvenne da est a ovest senza ritorno. Adesso percorrerlo, dopo le passate glorie dell’Orient express, basteranno poche ore da un lato all’altro. I trasporti ferroviari confermano per l’avvenire il loro ruolo insostituibile per il trasporto via terra di gran quantità di merci

E’ il gommato, infatti, la sola alternativa al treno, lungo le vie di terra. In mancanza del treno dovrebbe assorbire le miriadi di containers scaricati dalle navi dell’odierno “gigantismo navale“.

Container cellula del trasporto moderno.Sono esternamente solo di 2 misure standard e contengono i pallet anch'essi standardizzati. Ogni merce si trasporta così finché è possibile.

Container cellula del trasporto moderno. Sono esternamente solo di 2 misure standard e contengono i pallet anch’essi standardizzati. Ogni merce si trasporta così finché possibile.

Niente di tutto questo: il treno rileva i containers che ospitano i milioni di tonnellate in movimento sulla superficie terrestre. I trasporti, del resto, sono la colonna portante dello sviluppo e l’intermodalità, esaltata dal programma TEN-T a livello europeo (Trans Europe Network Transport, che consiste in una ‘messa in rete’ dei trasporti). In tale programma europeo e mondiale, le strade ferrate a doppio binario sono insostituibili. Risibili le quantità trasportate dagli aerei cargo.

Le strade ferrate moderne sono tutte Tav e nascono, oggi, come tali (la Torino-Lione non è che un raccordo mancante in una rete Tav comunque esistente in tutta Europa), anche se i treni, rallentando vistosamente, possono spesso percorrere i vecchi binari. In certi casi non è così: ad esempio in galleria. Queste sono troppo strette per i nuovi treni e non consentono i trasporti eccezionali, affidati, viceversa, alle autostrade ‘sotto scorta’, ma solo quando possibile).

I nuovi treni passeggeri (elettrotreni) non possono essere traghettati e necessitano anche del Ponte sullo Stretto di Messina, per affrancare la Sicilia dalla condizione di “gap” che la penalizza rispetto al resto d’Europa.

Anche sulle linee interne di tutte le regioni d'Italia sono in arrivo "a decine" i treni di nuova concezione approntati da Trenitalia, dallo Stato e dalle regioni stesse. Qui Musumeci osserva soddisfatto il modellino di un treno "Rock" o "Jazz" giàin uso sulle strade ferrate siciliane. Ferrovie: "soprattutto".

Anche sulle linee interne di tutte le regioni d’Italia sono in arrivo “a decine” i treni di nuova concezione approntati da Trenitalia, dallo Stato e dalle Regioni stesse. Qui Nello Musumeci osserva soddisfatto il modellino di un treno “Rock” o “Jazz” già in uso sulle strade ferrate siciliane. Ferrovie: soprattutto! Sono fra i mezzi pubblici da preferire – quando possibile – all’automobile privata.

La normativa in vigore da tanti anni non considera neppure l’insularità della Sicilia,”in virtù” del servizio di ferry-boat. Tale servizio, però, è vanificato oggi dalla frequenza dei nuovi treni: tutti i più importanti convogli non possono essere traghettati.

Da qui si deduce che chi è contro la Tav, le ferrovie e il ponte è in male fede o assolutamente stolido. Non c’è dubbio che “forze men note” operano da decenni per rallentare la crescita e portare il mondo – e l’Europa in particolare – verso una situazione di stallo se non addirittura di decrescita (felice?).

Il mondo (e relativa economia) cresce fisiologicamente, sovrapproduce di tutto: dal latte di pecore e capre in Sardegna, a quello di mucca, fino ai cereali, alla frutta e agli ortaggi. Oltre che, ancor di più, ai manufatti. Occorrerebbe un altro pianeta perché li consumasse: questa la realtà nuda e cruda. Il resto è “menzogna”.
Germano Scargiali

_____________________

Si pensi che il gommato (Tir), sostanziale alternativa alla Tav, viene per altri versi demonizzato dalle stesse fonti. Si attenderebbe il mutamento delle fonti d’energia e l’avvento dell’elettricità. I treni sono elettrici da anni, grazie al filo che corre sui binari. Quanto tempo ci vorrà per installare tutti i necessari distributori stradali di corrente e per trasformare i trasporti gommati in elettrici, producendo – da un’altra parte – l’energia necessaria?

Fatto questo, resterebbero le polveri sottili prodotte dai copertoni e il rischio di incidenti stradali e di un traffico pletorico (Tir) che è di gran lunga più costoso di qualunque uso del treno… (G.S.)

Be the first to comment on "No Tav fra malafede ignoranza e stupidità"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*