Hot Topics

Il turismo di chi va apiedi

Turismo a piedi. Come i tradizionali "globe trotters", che spesso - però - viaggiano da soli o in due anche lungo le strade tradizionali.Turismo a piedi. Come i tradizionali "globe trotters", che spesso - però - viaggiano da soli o in due anche lungo le strade tradizionali.
Una moderna scarpa da turismo a piedi.

Una moderna scarpa da turismo a piedi.

Perché non distinguersi dal turismo tradizionale? Quest’anno si parla di turismo slow con itinerari   di pochi giorni o di mesi. C’è la via francigena che si può fare a piedi ma chi preferisce può andare anche in bicicletta. Inambedue i casi si avrà la possibilità di parlare con le persone del luogo cammin facendo… 

Ci si può fermare e ripartire subito o se si preferisce si può essere accolti negli ostelli . La via francigena è lunga circa mille chilometri ed attraversa diverse regioni italiane. Per chi ama l’aspetto culturale può scegliere la regione Toscana e fare il tratto che va da pietra Santa a San Gimignano. Chi cammina sa che bisogna partire all’alba per via del caldo eccessivo.

In sette giorni si può fare anche Bari – Matera. Si può prediligere anche la Puglia e la Basilicata se i viandanti vogliono percorrere quel tratto. Molti hanno percorso il cammino di Santiago ma molti non possono perché lavorano e sarebbero licenziati….

In Sardegna ci sono tanti itinerari e durante il cammino dallo entro terra si incontrano tutte le spiagge. Si possono scegliere percorsi di poche ore o di un giorno. Ovunque in Italia, anche  in Umbria e in Abruzzo, che sono terre dette mutate per via del terremoto, vi sono dei possibili “cammini”.

Il presidente della associazione dei camminatori Luigi Necai ci dice che ci sono delle  regole valide per preparare lo zaino che deve essere aderente al nostro corpo. Lo zaino è come un vestito, è una parte del “viandante”.

Un oggetto d'altri tempi, la tazza pieghevole, torna attuale per chi va piedi o in bici.

Un oggetto d’altri tempi, la tazza pieghevole, torna attuale per chi va piedi o in bici.

Molto importante è l’imbottitura e il peso che si deve distribuire e deve essere equilibrato. Bisogna organizzarsi con un elenco di cose necessarie da portare anche ottanta grammi insieme ad altre cose fanno peso. Si fa una lista e quando si torna dal cammino si riprende la lista fatta e si depenna quello che non ci è servito. Meno cose ci portiamo, meglio è. Con l’esperienza si impara ad avere e s fare a meno di tante cose…

La magia del viaggio è unica. Possiamo fare dei viaggi in barca ma anche viaggi dentro noi stessi praticando lo yoga. Il cammino di Santiago, ognuno lo vive secondo le proprie emozioni. Riccardo Ferretti Longhi, attore e insegnante di yoga dice che “lo yoga lo ha scelto e che da spazio a ciò che si è veramente dentro”. Lo yoga è la via che fa un cammino dentro di noi. Lo yoga è una forma che utilizza il corpo, è la meditazione, lo yoga ci conduce con facilità alla meditazione, che è uno stato di quiete.

Dobbiamo fare attenzione a quello che riceviamo e dobbiamo imparare a farlo. Nel  momento in cui si è accorto che lo yoga lo stava trasformando dice che ha smesso di fare l’attore. “Lo yoga – dice Riccardo Ferretti Longhi – è una pratica per la propria mente, le posizioni sono l’espressione dell’anima e le hanno create gli antichi maestri”…

Marisa Mauro

(Corrispondenza da Roma) 

Be the first to comment on "Il turismo di chi va apiedi"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*