Hot Topics

Lassù qualcuno ci odia?

Il Mediterraneo tornerà ad essere il centro del mondo. L'Africa crescerà, il canale di Suez è già il passaggio di tutte le navi container del mondo...Il Mediterraneo tornerà ad essere il centro del mondo. L'Africa crescerà, il canale di Suez è già il passaggio di tutte le navi container del mondo...

E’ in corso un tentativo diinvasionedell’Europa? Il fenomeno migratorio dalle areee sottosviluppate, incentivato e addirittura finanziato da forze ‘note men note’ è la manifestazione di tale tentativo? Una cosa è indubbia: esso vede l’Italia in primo piano: non è che un dato di fatto! Se lassù qualcuno ‘ci odia’, tale avversione riguarda di più l’Italia. Ciò per invidia e  rivalità: lo spiegheremo più avanti.

Un’altra constatazionesecca‘ è che tali migranti sono prevalentemente musulmani.

Devono sbarcare tutti in Italia!” Sono in arrivo dalla Spagna altri clandestini.

Dopo aver messo in piedi una sceneggiata di 24 ore davanti a Malta, la Open Arms di @opernarms fund ha chiesto urgentemente un porto per far sbarcare i 278 migranti  che ha a bordo, spostandosi verso le acque italiane. E’ la stessa ONG ad aver disposto, testulamente, che tutti debbano sbarcare in Italia. L’Italia, paese civile ospitale per eccellenza, ‘dovrà accoglierli’. Risulta che qualcuno mostri riconoscenza per tutto ciò? Non sembra proprio…

La teoria del complotto del ‘piano Kalergi’ – cui abbiamo accennato in un recente articolo – è la credenza secondo la quale esista un piano d’incentivazione dell’immigrazione africana e asiatica verso l’Europa al fine di rimpiazzarne le popolazioni. Prende il nome dal filosofo austriaco Richard Nikolaus di Coudenhove-Kalergi, paneuropeista storico. 

Richard Nikolaus di Coudenhove-Kalergi

Richard Nikolaus di CoudenhoveKalergi cui viene attribuita la paternità di tale piano di . Ma allo stesso personaggio viene attribuita la prima idea di un’Europa politicamente unita. Ciò appare contraddittorio e certamente improprio. L’idea di un’Europa unita si perde nel corso della storia e vanta negli anni del secolo scorso un alto numero di precursori.

Nel complesso, l’opinione di Palermoparla è – invece – ottimistica in proposito. Un ottimismo ‘in lineadimassima’, dovuto a due considerazioni: la prima è che una vera sostituzione etnica e religiosa (come quella temuta) è improbabile perché innaturale. Si sta già assistendo piuttosto ad una fusione. Per di più (siamo sempre nalla prima considerazione), la fusione sta già avvenendo in termini di europeizzazione / italianizzazione degli immigrati. Non è il contrario. La seconda considerazione è un corollario della prima e la ribadisce: la superiorità e del costume ‘moderno’ è nettamente vincente: in tutto il mondo si conferma che evolversi significasembrare europei‘. Infine, sul piano religioso, la morale cristiana è di netto la più evoluta ed avanzata. Non è un’osservazione astratta: il cristianesimo ha compiuto il passo ‘estremo’ in direzione della ‘protezione dei deboli’ e tutta la società civile è nata e si è mossa in tale ottica, evolvendosi fino ad oggi senza stabili interruzioni. Si pensi a quanto si fa adesso in aiuto dei disabili.

La civiltà di Roma e della Grecia, del Rinascimento, del Risorgimento, ma anche delle scoperte geografiche e delle grandi invenzioni sarà sempre più avanti. E’ questa che ‘conquisterà’ gli immigrati dal ‘terzo mondo’.

Così come disse il poeta romano Orazio: “Graecia capta ferum victorem cepit “. Qui la differenza fra quelle che possiamo definire sommariamente le due civiltà (di oggi) è di gran lunga maggiore: figuriamoci!

Oggi il parere dei columnist e della main stream mediatica spazia attraverso una serie di osservazioni assolutamente ‘peregrine‘ che divengono chiaramente ‘di maniera‘. Ma chi parla o scrive sembra non rendersene conto. Si parte da asserzioni scientifiche che tali non sono, quali quelle sul clima, l’inquinamento, l’esaurimento o la scarsità delle risorse e dell’acqua, per non dire sulle ‘versioni’ in tema di pandemia e relativo contagio (aereo?), tali da condurre anche a provvedimenti di legge senza senso, fino a quelle confuse e fantasiose sulla politica…

______________________________________

A proposito della politica e del sociale, è facile ascoltare da ‘esimi critici’ che l’immigrazione aumenterà indiscriminatamente causa l’inaridimento progressivo dell’Africa e simili. E’ vero il contrario: con l’inarrestabile avanzare (anche apparentmente lento) della tecnologia e l’uso di nuove fonti ‘serie’ di energia – leggi idrogeno e nucleare – anche i deserti (se proprio necessario) si renderanno più che coltivabili: addirittura fertili. Israele, sin dal primo dopoguerra, coltiva con gran successo le rocce e le sabbie della Palestina, laddove i musulmani, senza tecnologia, rischiano la fame e la sete. Quanto all’acqua, basti notare come la politica dei dissalatori sia stata abbandonata, perché l’acqua si può trovare in vari altri modi. Il minimo è purificare gli scarichi e sopperire all’irrigazione, salvando il resto per uso potabile. Israele addirittura potabilizza l’acqua di fogna… Nel sottosuolo, l’acqua d’origine alluvionale, ma anche tellurica, è dappertutto: necessita, ripetiamo, solo l’energia per estrarla… L’umanità ne avrà oltre il bisogno quando ciò diverrà necessario. Purché ci sia già un minimo di sviluppo tecnologico.

_________________________________________

Stranamente, non è impossibile che vi sia un’avversione di fondo proprio contro l’Italia e le sue possibilità di sviluppo. La Penisola è al centro di un Mediterraneo in grande sviluppo ed è il paese di gran lunga più industrializzato, ma anche più colto, evoluto e civile, della sua area geografica. Il Mediterraneo è all’alba di un Neo Rinascimento, di cui il raddoppio del Canale di Suez – prezioso per le grandi navi container che non possono transitare da Panama – non è che il sintomo più evidente, oltre che una ‘concausa’ di quanto avverrà. Ciò sta spostando l’asse dell’economia mondiale da dove si trovava prima delle grandi navigazioni oceaniche. Con una superficie acquea di meno del 3% di quelle dell’intero pianeta assorbe già oltre il 40% dei traffici mondiali.

La supremazia Usa è inesorabilmente al tramonto. I nuovi astri sono la Cina, la Russia, ma soprattutto l’Europa, che – nonostante la traballante UE – mantiene ugualmente una grande supremazia culturale e morale e lo scettro del ‘buon gusto civile‘. Lo mantiene senza pensarci su ma ‘di fatto’ lo tiene saldamente in mano: gli europei sono gli ultimi ad accorgersene nelle reali proporzioni, ma lo sanno bene tutti gli altri popoli della terra

Seppure –per puro assurdo la super industrializzata Europa manifatturiera non avesse nulla da vendere al resto del mondo, le rimarrebbe la cultura: monumenti, storia, arte, musica, valori civili in genere…

Sono queste le osservazioni da fare in materia di storia contemporanea e ‘futurologia’.

Assieme al riconoscimento del valore smisurato rappresentato dalla capacità produttiva senza liniti, conseguente al processo tecnologico esponenziale e all’uso crescente dell’elettronica e del web, oltre alla capacità di produrre sempre più, oltre ogni necessità, unisce il valore – anche veniale – della sua grande realtà socio civile…

I problemi di compatibilità ambientale sono l’ennesima ‘panzana‘ e vengono annientati dalla tecnologia stessa. Le riserve del Pianeta sono da considerare praticamentee infinite, né la terra è più, come continuano stolidamente a sottolineare i media, …il solo pianeta che abbiamo.

Molto prima che si esauriscano le risorse della terra, l’umanità fruirà di tutte quelle dell’intero sistema solare

E’ tutto questo possibile sviluppo – che appare alle porte di un futuro già iniziato – che con evidenza, chi aspira al monopolio dell’economia, della finanza e delle stesse coscienze (nuovo ordine mondiale, religione unica) teme. Nutre per lo sviluppo generalizzato forme di terrore… Contro tali  ‘aperture’ prende massicci provvedimenti concreti ed anche mediatici (evidentissime campagne d’opinione).

Germano Scargiali

Nota

Si potrebbe anche norare che l’Europa – in particolare l’Italia, data la posizione e l’evoluzione tencologica di cui abbiamo parlato – è la zona del mondo più qualificata per godere amministrare un’avoluzione spontaneae di tipo esponenziale. Potrebbe essere per questo che ‘i cattivi del mondo’ cercano di insidiarla. Una ‘teoria del ecomplotto‘ in questo senso potrebbe avere una logica…

Il complotto, tuttavia, è destinato – secondo chi scrive – a probabile fallimento in conseguenza della sua innaturalità

Be the first to comment on "Lassù qualcuno ci odia?"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*