Hot Topics

SPECIALE 71ma #BERLINALE – sessione 1/5 marzo 2021 #1 (DAY -21): Tutte le novità in tempi di pandemia

Vorschlag_Wettbewerb_Combit_2

(da Berlino Luigi Noera – Le foto sono pubblicate per gentile concessione della Berlinale)

A tre settimane della kermesse online della Berlinale le prime anticipazioni mostrano la grande volontà della squadra di Carlo Chatrian di andare avanti nonostante le difficoltà.

In tempi di pandemia pur in assenza del pubblico la Berlinale mantiene le sue caratteristiche di Festival legato al suo pubblico berlinese e quindi non poteva innanzitutto mancare il simbolo della Berlinale seppure in versione stilizzata, visto che anche agli orsi in carne e ossa è vietato girare per Berlino . . .

Ma mantiene anche la caratteristica peculiare della Berlinale del contatto con il pubblico al quale è destinata la seconda sessione durante l’estate con l’auspicio che intanto l’ondata della COVID19 sia rientrata.

Già annunciate le Serie TV che saranno presentate a marzo, mentre per il Concorso bisogna aspettare.

Infine è stato annunciato che ai Berlinale Talents sono stati selezionati quattro rappresentati dall’Italia!

Come sappiamo il nuovo format adottato nell’anno di emergenza pandemica si svolgerà in due tempi:

Il 71 ° Festival Internazionale del Cinema di Berlino si svolgerà con l’evento per i professionisti del settore e la stampa accreditata dal 1 al 5 marzo 2021. Invece dal 9 al 20 giugno 2021, la Berlinale invita il grande pubblico allo Summer Special.

Intanto è stato presentato il nuovo poster disegnato dalla artista berlinese Claudia Schramke.

“La Berlinale Bear di quest’anno è un tipico personaggio berlinese. Il simpatico motivo fatto a mano trasuda ottimismo in questi tempi difficili e diffonde un brivido di attesa per le due fasi del festival cinematografico “, commenta Mariette Rissenbeek, direttore esecutivo della Berlinale, sul simbolo della Berlinale 2021.

L’altra novità di questa edizione rivoluzionata è che i vincitori delle precedenti edizioni dell’Orso d’Oro formeranno la giuria internazionale della 71a Berlinale

I componenti della giuria internazionali decideranno i premi del Concorso, Cortometraggi, Encounters e Generation della Berlinale e annunceranno i vincitori durante l’evento di marzo. La cerimonia di premiazione si svolgerà in presenza del pubblico a giugno.

Giuria Internazionale

Durante lo sviluppo del format del festival nel 2021, è stato anche concordato un nuovo concept per quanto riguarda la composizione della Giuria Internazionale. I registi dei sei film vincitori dell’Orso d’Oro decideranno i premi del Concorso alla 71a Berlinale e guarderanno i film sul grande schermo a Berlino. Non è invece prevista per quest’anno un presidente della giuria.

“Sono felice e onorato che sei registi che ammiro moltissimo abbiano accettato con entusiasmo il nostro invito a prendere parte a questa edizione unica. Esprimono non solo modi diversi di realizzare film senza compromessi e creare storie audaci, ma rappresentano anche una parte della storia della Berlinale. In questo momento è significativo e un grande segno di speranza che i vincitori dell’Orso d’Oro si trovino a Berlino a guardare film in un teatro e trovino un modo per supportare i loro colleghi”, ha commentato il Direttore Artistico Carlo Chatrian.

I membri della Giuria Internazionale 2021 sono :

Mohammad Rasoulof (Iran) Regista del film vincitore dell’Orso d’Oro There is No Evil, 2020

Nadav Lapid (Israel) Regista del film vincitore dell’Orso d’Oro Synonyms, 2019

Adina Pintilie (Romania) Regista del film vincitore dell’Orso d’Oro Touch Me Not, 2018

Ildikó Enyedi (Hungary) Regista del film vincitore dell’Orso d’Oro On Body and Soul, 2017

Gianfranco Rosi (Italy) Regista del film vincitore dell’Orso d’Oro Fuocoammare, 2016

Jasmila Žbanić (Bosnia and Herzegovina) Regista del film vincitore dell’Orso d’Oro Grbavica, 2006

Summer Special

Invece dal 9 al 20 giugno con il Summer Special, il festival offre al pubblico della Berlinale in virtù di numerose proiezioni cinematografiche la possibilità di vivere una gran parte dei film alla presenza dei registi.

“Con il Summer Special, desideriamo creare l’atmosfera del festival tanto desiderata per il pubblico. I film di tutte le sezioni della Berlinale saranno proiettati in una decina di sedi a Berlino ”, ha commentato Mariette Rissenbeek, Direttore esecutivo della Berlinale. “Nell’ambito dello speciale estivo, si terrà anche la cerimonia di premiazione della 71a Berlinale.”

Per quanto riguarda la selezione di film in concorso invece dobbiamo aspettare la prossima settimana

Infatti dall’8 all’11 febbraio, il Direttore Artistico Carlo Chatrian e i responsabili delle altre sezioni del festival sveleranno le selezioni dei film (la selezione della Berlinale Series è già stata annunciata e vi riportiamo più avanti i dettagli): Retrospettiva e generazione, Berlinale Shorts, Forum and Forum Expanded, Encounters, Panorama e Perspektive Deutsches Kino ed infine Concorso e Berlinale Special

Per l’annuncio dell’11 febbraio, ci sarà anche un video di presentazione da parte della direzione del festival alle 11 sui seguenti  canali: www.berlinale.de/live, facebook.com/berlinale, youtube.com/berlinale durante il quale Mariette Rissenbeek presenterà ancora una volta il format del festival di quest’anno, mentre Carlo Chatrian presenterà i film in Concorso e lo Speciale Berlinale.

Berlinale Series 2021: Toxic Antiheroes, Utopias of Freedom

In un anno insolito, la selezione della Berlinale Series si compone di sei titoli che, con argomenti, narrazioni e stile visivo non convenzionali e sorprendenti, compongono uno specchio del nostro tempo. I contenuti latinoamericani sono rappresentati per la prima volta alla Berlinale Series con la produzione argentina della HBO Entre hombres (Amongst Men) e Os últimos dias de Gilda (The Last Days of Gilda) dal Brasile. Inoltre, Philly D.A., una produzione statunitense del duo candidato all’Oscar Josh Penn e Michael Gottwald, è la prima serie di documentari ad essere invitata nel programma.

I creatori danno uno sguardo imparziale e preciso ai loro personaggi e ai loro ambienti. I traumi collettivi del recente passato vengono ripensati, le classi sociali e il loro significato per i destini individuali vengono messi in discussione. I protagonisti si trovano spesso in un clima di polarizzazione: l’assoluta necessità di un posizionamento (politico), di localizzarsi in sistemi di delimitazione di valori significa sia speranza di cambiamento che rischio di escalation.

Entre hombres, un classico moderno in quattro episodi del regista Pablo Fendrik con un tempismo mozzafiato, mostra l’omonimo mondo maschile nelle sue sfaccettature più brutali; come un gioco di violenza, avversione e potere. L’omaggio all’estetica degli anni ’90 celebra e sfida il genere scelto e il mondo che rappresenta. Con il suo secondo spettacolo alla Berlinale Series, Ich und die Anderen (Me and the Others), David Schalko sta facendo giochi mentali con noi e conduce attraverso i vari livelli di coscienza di un hipster pubblicitario e della sua pazza famiglia di artisti (nel cast dell’ensemble: Tom Schilling, Sophie Rois, Martin Wuttke, Lars Eidinger, Katharina Schüttler).

It’s a Sin parla di un virus sconosciuto e mortale che si sta diffondendo in tutto il mondo. La toccante miniserie di Russell T Davies su un irresistibile gruppo di amici e gli inizi dell’HIV a Londra negli anni ’80 evoca connotazioni dolorose nella situazione attuale. A Philadelphia D.A. L’attivista per i diritti civili Larry Krasner ha l’ambizioso obiettivo di niente meno che il capovolgimento del sistema legale, che lui incolpa per le condanne di massa di imputati principalmente neri a Filadelfia. La sua elezione a procuratore distrettuale sembra inizialmente improbabile, ma si trasforma in un trionfo. I creatori Ted Passon, Yoni Brook e Nicole Salazar ritraggono i primi successi, respingimenti e sconfitte di Krasner con un’osservazione passeggera.

Snöänglar, uno studio dark socio-criminale nei toni del bianco opaco proviene dalla Svezia e dalla Danimarca dal creatore di Mette Heeno (Berlinale Series 2016: Splitting up Together). La complessa storia della scomparsa di un neonato è accattivante, multiforme e mette a confronto gli spettatori con le proprie idee e immagini di famiglia e maternità. La serie in quattro parti Os últimos dias de Gilda di Gustavo Pizzi è unica in tutti i sensi. Il ritratto caldo, fisico e lussurioso della sua eroina, interpretata da Karine Teles, è una dichiarazione di libertà personale all’interno di un ambiente pieno di minacce e censura.

Ovviamente non poteva mancare la sezione a latere Berlinale Talents arrivata alla sua 16ma edizione che si svolgerà a marzo come vi anticipiamo in appresso.

Innanzi tutto il manifesto di questa edizione ci ricorda i “Dreams”: Endless Dreams

Le strisce di Möbius si piegano nel tempo e nello spazio: nel design del graphic designer berlinese Christoph Rauscher, si intrecciano in modo giocoso tra le lettere D, R, E, A, M, S. Nonostante le nuove realtà, la prossima edizione di Berlinale Talents saprà offrire ancora uno spazio aperto dove le idee possono muoversi liberamente e mescolarsi, di giorno e di notte in tutto il mondo. Infatti possiamo ricondurre tutto al motto Continua a sognare! Ma ecco gli Argomenti, la struttura e i partecipanti alla Berlinale Talents 2021

Anche nel mezzo di una pandemia, Berlinale Talents crea uno spazio per incontri, reti e scambi. Collocata sotto il tema “Dreams”, questa 19a edizione si svolgerà dal 1 al 5 marzo 2021. Come prima parte della duplice Berlinale 2021, 200 talenti scelti, nonché una miriade di ospiti e il pubblico sono invitati in una forum digitale che metterà in mostra le infinite possibilità e i mondi onirici del cinema: un’opportunità per iniziare a costruire e condividere una visione globale per il cinema del futuro. L’iniziativa attinge non solo al potenziale utopico dei sogni – cruciale per tanti di noi in questi giorni – ma mette in luce anche i molti affascinanti parallelismi tra i set cinematografici notturni che visitiamo nel sonno e la macchina dei sogni che è il cinema.

Tutto il mondo a casa

Quest’anno, lo scenografo Uli Hanisch (The Queen’s Gambit, Babylon Berlin) trasformerà il teatro HAU Hebbel am Ufer in un set digitale, consentendo alla Berlinale Talents di convertire la distanza tra le case dei partecipanti di 65 paesi e il teatro HAU in un “SDream”, o un punto d’incontro aumentato. “È proprio come essere in un sogno: talenti, pubblico e ospiti saranno a Berlino e altrove allo stesso tempo. La presunta opposizione tra “reale” e “virtuale” viene consumata dal nostro ottimista “ovunque” per questa edizione di Berlinale Talents – un viaggio onirico programmatico, che dà nuova forma alla nostra visione di un mondo creativo senza confini “, nelle parole di Berlinale Talents dirige Christine Tröstrum e Florian Weghorn. Il programma completo, compresi gli eventi per l’industria cinematografica, i talk e i live-workshop aperti al pubblico, sarà pubblicato a metà febbraio.

200 talenti selezionati

Non solo streaming, sdreaming! Insieme a 200 partecipanti invitati (da 65 paesi, selezionati da un pool di oltre 3.000 candidati), Berlinale Talents è impegnata a scovare nuovi percorsi per un’industria creativa nel mezzo di un cambiamento radicale. I talenti portano gli ingredienti di base per un’impresa del genere: ognuno con i propri punti di forza e le proprie speranze, proviene da 13 discipline e con circa dieci anni di esperienza professionale alle spalle. E tutti credono fermamente nel potenziale di trasformazione di una comunità che non ha aspettato una crisi per affrontare attivamente le sfide e lavora per “sognare”. Per la prima volta nel 2021, il gruppo include curatori emergenti di festival, piattaforme VOD innovative e cinema comuni che plasmano il futuro dell’esperienza del pubblico dall’Indonesia al Messico. Il 55% dei partecipanti quest’anno si definisce donna, un valore superiore che attende di essere replicato in tutto il settore, come tante applicazioni hanno indubbiamente richiesto. E una tendenza più ampia: l’impegno sociale dei talenti va ben oltre i loro film. In quanto imprenditori creativi, sono fortemente impegnati per relazioni di lavoro più eque e parità di retribuzione, stanno fondando collettivi cinematografici e associazioni cinematografiche per rafforzare la loro posizione e difendono le comunità indigene, contro i cambiamenti climatici e per la comunità queer. Ma soprattutto, tutti i 200 talenti sono audaci sognatori ad occhi aperti, sul cui lavoro puoi scoprire di più su www.berlinale-talents.de.

Ci piace ricordare che ai Berlinale Talents saranno presenti tra i 205 professionisti del cinema – 113 donne, 84 uomini e 8 che hanno preferito non dichiarare il proprio genere – provenienti da 65 paesi anche 3  talenti selezionati provenienti dall’Italia:

Giulia Tagliavia, compositrice cinematografica; ha realizzato “La nostra strada”, che ha vinto il Premio al Miglior Film a Biografilm nel 2020, e “Samouni Road”, che ha vinto L’Œil d’or Documentary Award al Festival di Cannes 2018 e il Prix Lumières 2019 come miglior documentario ; come pianista fa anche parte del PMCE, l’ensemble di musica contemporanea residente dell’Auditorium Parco della Musica di Roma

Chiara Dainese, che ha curato il montaggio del film presentato alla selezione di Venezia 2018 “Il ragazzo più felice del mondo”.

Il regista Enrico Masi; i cui suoi documentari sono stati proiettati al CPH: DOX e al Cinema du Reel (il documentario sperimentale “Shelter – Farewell to Eden”) e Venezia (“The Golden Temple”, 2012)

 

 

 

Il “gruppo italiano” alla Berlinale Talents è completato dal direttore della fotografia italo-britannico Vincenzo Marranghino, che, tra gli altri, ha girato “Los Fantasmas” (selezione IFFR 2020).

Insieme, i 205 talenti parteciperanno a un programma virtuale di 5 giorni con eventi su misura con esperti di fama internazionale che terranno workshop e conferenze, alcuni dei quali sono aperti al pubblico tramite  berlinale-talents.de

Be the first to comment on "SPECIALE 71ma #BERLINALE – sessione 1/5 marzo 2021 #1 (DAY -21): Tutte le novità in tempi di pandemia"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*