Hot Topics

Fra Covid e Vaccino chi muore perché è giunta la sua ora e chi per il Virus o l’iniezione

La primula in piazza, monumento alla vaccinazione. Scatenata la fantasia dell'architetto: convincere la gente a vaccinarsi con aria festosa, pubblicità, cartellonisrtica e ...spese per l'erario. Lo Stato si preoccupa della salute di tutti dopo aver affrontato la pandemia con ospedali a corto di personale e di attrezzature come mai prima d'adesso. La salute prima del 2019 ere un optional? E adesso tutto il contrario?La primula in piazza, monumento alla vaccinazione. Scatenata la fantasia dell'architetto: convincere la gente a vaccinarsi con aria festosa, pubblicità, cartellonisrtica e ...spese per l'erario. Lo Stato si preoccupa della salute di tutti dopo aver affrontato la pandemia con ospedali a corto di personale e di attrezzature come mai prima d'adesso. La salute prima del 2019 ere un optional? E adesso tutto il contrario?

Negazionisti e ‘no mask’, noi di Palermoparla. Per questo criticati e additati. Ma non così stupidi da non prendere e le giuste precauzioni rispetto al contagio…  Frattanto, ogni giorno qualcuno muore dopo il vaccino. E’ solo una ‘consecutio’ casuale? E oerché – invece – non erano ‘decessi naturali’ quelli dei tanti over 70 e over 80? Perché sono stati assommati con i morti per Coivid come Lucia Bosè (fra le vive proteste di Miguel)?

C’è – certamente – chi, comunque, ci supera: non siamo i soli ad accorgerci, sia del linguaggio malato dei media, sia della preoccupante ignoranza di masse che hanno creduto che il virus potesse essere genericamente ‘nell’aria’, sia – soprattutto – agli articolati moventi di chi ha suscitato il ‘caso’ del Covid-19, trasformando quella che era una ‘pur grave’ influenza stagionale, ma comunque ‘comune’ influenza, in un’morbo’ a sé. E la finzione continua…

In fila per le vaccinazioni in tutta Italia a piedi o drive in. Qui a Brescia. Ma si vaccina contro un'influenza del 2019 e siamo già ne 2021....

In fila per le vaccinazioni in tutta Italia a piedi o drive in. Giorni interi. Qui a Brescia. Come cadere in tanti nella trappola? Si vaccina contro un’influenza del 2019 e siamo già nel 2021. Infatti anche i vaccinati terranno la masherina, potranno ammalarsi e contaggiare: l’influenza – in inglese Corona Virus disease – è diventata ‘la peste’? La prossima influenza sarà grave come il Covid19? Ma per quale evidenza scientifca.

Già ‘promettono’ che vorranno vaccinarci …ancora! I governi s’erano preoccupati poco e niente della nostra reale salute, adesso ci hanno preso gusto, ovviamente! E motivi ci sono. Qualcuno ha trovato l’Eldorado, ovviamente…

Non rimane che cercare ‘il peggio’ che è stato fatto: quale il più grave ‘attentato’ alla salute pubblica nel corso di questa che è stata presto chiamata ‘pandemia’, ma che è un fenomeno esso stesso ‘malato’ dalla A alla Z?

Forse il peggio è stato quello di scoraggiare da parte di governi le cure in casa con i metodi tradizionali, raccomandate da miriadi di medici privati. ‘Se accusi i sintomi, la curiamo come un’influenza, non c’è altro…” è la frase dei due migliori medici che conosce chi scrive: un internista, un dermatologo, ambedue bravissimi, ambedue dietologi di esperienza riconosciuta!

La decisione di non vaccinarmi non l’ho presa ‘da solo’, e allo stesso modo ho sempre fatto di fronte alle influenze comuni, pur essendo un ‘soggetto a rischio’. Non mi sono vaccinatro perché il vaccino contro l’influenza è sempre scientificamente stato un’ics e non cessa di esserlo per il Covid 19. Del resto è ridicolo che ci vaccinino per il Covid 19 mentre sta arrivando il Covid21. Indiano, canadese, sudafricano che sia: dopo la montatura, ecco la …letteratura. L’importante è stupire, impaurire tutti, preparare il terreno – soprattutto – …ad altre future vaccinazioni di massa. Per questo èi n moto un vera ‘catena di santantonio‘, da parte di …tutti coloro ch vi hanno interesse o credono di averlo o lo sperano.

Il messaggio mediatico, del resto, è suonato sin dall’inizio fortemente falsato se letto da chi scrive ‘per mestiere’ e conosce le arti della connotazione, della falsa allusione, dell’insinuazione…

Dal punto di vista psico socialemascherine, tamponi e vaccini sono stati visti da molti anche come una ‘variante’ alla monotonia della vita, pur facendo parte di doveri compiuti per obbligo, di cui lamentarsi. Ma siamo ancora una volta di fronte alla risposta al noto ‘anch’io voglio fare qualcosa‘, anch’io voglio partecipare, che scatta di fronte a pratiche come la differenziata (tenere in casa il puzzolente organico e non sapere dove buttarlo in caso di partenza per lavoro o per svago, mentre non c’è alcun bisogno di concime e quasi sempre finisce in discarica) oppure come il risparmio dell’acqua, un vero e vago mito: in Italia ce n’è per tutti, ma anche altrove e ce ne sarà sempre. Sempre di più con i mezzi moderni d’estrazione e le nuove energie. Anche in pieno deserto. Dove la prendono a Las Vegas? I soldi mancano, non l’acqua! (Menzogne, menzogne su menzogne).

Infine, sempre in fatto di psicologia sociale, l’uomo moderno soffre – fra le paure ancestrali – di una più moderna: si accorge o teme di consumare beni che non produce, anche oltre misura, in una società pericolosamente ‘opulenta nonostante tutto’. In tale condizione mentale, l’uomo moderno ‘si aspetta e teme’ le punizioni naturali. Ciò come reazione agli abusi individuali. Ciò è -anche qui – alimentato da campagne mediatiche che incolpano l’individuo di un generico inquinamento con il qual ha ben poco a che fare (industrie, mancati provvedimenti governativi).

In tali condizioni psicologiche, è facile far credere a masse poco colte che un virus possa resistere all’aria aperta, tanto da rendersi realmente pericoloso. Teniamo, o dovremmo tenere, da mesi la mascherina in situazioni in cui la possibilità di un contagio non è neppure di 1 su 1 milione.

Ma sentite con quanta lapidaria chiarezza ci fornisce un quadro della situazione il brano che segue: eccoci alla contraddizione dei ‘morti per morte naturale’. Il Covid uccideva, i vaccini no: la morte del giorno adesso è …puramente casuale. E chi ci assicura sugli effetti a lunga scadenza di un farmaco che modifica il DNA?

________________________________________

 Sono in atto degli OMICIDI di STATO che presto saranno classificati come GENOCIDIO.

E’ compito di ognuno di noi elevare il proprio grado di consapevolezza per uscire da questa situazione il prima possibile.

Se vi ricordate, quando ci davano le false statistiche dei morti per Covid, i medici NON corrotti ci spiegavano che la morte era causata da malattie pregresse GIUSTAMENTE, come è sempre stato e sempre scritto nella letteratura medica per la comune influenza. Ma i media, i governi e tutti quelli che hanno organizzato e allestito questo teatrino hanno nominato scienziati da premio Nobel e medici NON corrotti, come negazionisti e complottisti, radiandoli – anche – dall’albo dei medici e ridicolizzandoli in tutto il mondo.

Ora che stanno morendo persone vaccinate, i soliti criminali cosa ci dicono? “non sono morti per il vaccino, ma per malattie pregresse”

FATEVI UNA DOMANDA E DATEVI UNA RISPOSTA!

(Da OggiNotizie)

Nota

Vengono metodicamente cancellati – spesso da mano ignota – i link di quelle che l’establishment, che impone il perbenismo e il buonismo ‘agli altri’, praticando – però – il crimine, stigmatizza come fake news. E’ fra questa, invece, che spesso emerge ‘la verità‘. Sta all’intelligenza e alla cultura di chi legge distinguere. Ma lo stesso è per  le bufale che compaiono su giornali, riviste e Tv. Fra cui quelle ‘avallate’ dai più sul Covid.

Perché fra tutte le chiacchiere, tutte le contraddizioni di cui si parla, la cosa più certa è che il Covid19 è finora il maggior affare del nuovo millennio e probabilmente la maggior truffa finora perpetrata.

E’ certo che – dopo decenni di tentati ‘stop’ alla libera iniziativa e alla crescita di base – il fenomeno Covid abbia sferrato un diretto al mento e un gancio al fegato dell’economia reale. E’ chiaro dagli anni del boom che a qualcuno al vertice non piace la spontanea crescita alla base della società. Una conferma è che – sempre dai media – crescita e sviluppo vengono addirittura demonizzati, facendo un mito della compatibilità anche laddove regni il deserto delle iniziative. Si parla di crisi della natura in tempi in cui il fattore ‘terra’, un tempo prezioso quanto l’oro e l’argento, non fa che perdere valore: è, si può dire, in caduta verticale.

Oggi l’oro e la terra hanno ceduto il posto alla trasformazione, alla produzione, alla movimentazione dei beni di consumo e dei servizi a brevi e grandi distanze. Dei quattro ‘fattori della produzione’ – terra, lavoro, capitale e impresa – è l’impresa, la scelta imprenditoriale, l’iniziativa di marketing, quella che prevale di netto: essa crea il valore aggiunto. Gli altri fattori senza un’impresa valida non giungono ad alcun risultato nel processo produttivo. L’economia di mercato – che oggi è ottusa solo perché non si occupa, anche nel proprio interesse, dello sviluppo del terzo mondo – producendo tanto da bastare ‘per sé e per gli altri’ è in atto la radicale negazione dei concetti del marxismo e della relativa visione della società. Il marxismo pecca, a questo proposito, per la sua visione statica della storia e del cosmo. Credendo con certezza di prevedere, coniuga il tempo soltanto al presente. (G. Scargiali)  

Be the first to comment on "Fra Covid e Vaccino chi muore perché è giunta la sua ora e chi per il Virus o l’iniezione"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*