Hot Topics

L’Italia, in finalissima, è in festa – L’Europa dei nazionalismi torna con inni e bandiere

Gioiia, felicità: siamo in finalissima!Gioiia, felicità: siamo in finalissima!
La parata di Donnarumma su Morata: un grande portiere blocca un asso del penalty...

La parata di Donnarumma su Morata: un grande portiere blocca un asso del penalty… Chi impara lo stile impari: il braccio sinistro a terra ammortizza la caduta e consente di estendere il corpo fino al pallone. I movimenti del portiere sono di ‘scuola’. L’istinto non fa che aiutare.

Che lo si voglia o no i grandi incontri di calcio hanno un risvolto patriottico e stimolano lo spirito di rivincita.

E’ suonata come una ‘punizione’ per i francesi l’eliminazione ad opera della Svizzera battuta, a sua volta, dagli azzurri. I transalpini s’erano da poco ‘scomodati’ per dire che l’Italia era ‘razzista’ in quanto non aveva portato alcun ‘nero’ ai campionati. Accusare di razzismo l’Italia è certo un’impudenza oltre che un non senso. Ma i franesci sono maestri, com lo sono di stupidità politica: giocano la carta atlantica, quando avrebbero in mano quella – da decenni preziosissima – del Mediterraneo. Al ‘Mare Nostrum’ potrebbero dar molto e trarne grandi vantaggi.

Ma andiamo alla partita di ieri contro la fortissima Spagna, che ha consentito all’Italia di giocare la finale per il titolo. Un onore – questo – che rientra fra le tante ‘cose valide’ che la Penisola dimostra di saper fare nei settori più svariati, non esclusi quelli industriali ‘puri’ (vedi ns articolo Stato povero in una nazione ricca nel motore di ricerca) e nello sport in particolare. Nel basket si è appena qualificata per Tokio, battendo una delle favorite come la Bosnia. Mentre – sempre agli Europei – ha gà superato il Belgio, primo nel ranking mondiale. Quindi ‘sembrerebbe’ ben messa anche per il tiolo. Ma …ogni partita – ammonisce un vecchio detto sportivo – fa storia a sé.

La ‘cronaca critica’ della partita va fatta – se ci è consentito – in poche parole….

Nopn ha vinto nessuno in particolare, ha vinto l nazionale iatliana di calcio. Che cosa significa? Ha prevalso sul campo  andando in vantaggio (la Spagna ha solo pareggiato) andando vicino un paio di volte al raddopopio e prendendo addirittura un palo. Comunque non mancano gli eroi del giorno e questi – oltre agli immacabili e inossidabili Chiellini e Bonucci, ma anche il ‘tecnico’ piccoletto Verratti – sono stati certamente sia Donnarumma, per aver parato bene in partita e soprattutto per aver bloccato il rigore di Morata, uno dei più bravi attaccanti e rigoistio del mondo, sia Jorginho che non ha mancato il rigore decisivo: definitivo con l’Italia vittoriosa…

Prospettiva da dietro la rete. Donnarumma: la magica mano ch ferma la palla scagliata a Morata. Parare è il momento decisivo delle finali ai rigori. Segnarli - se così si puiò dire - è più ...facile.

Prospettiva da dietro la rete. Donnarumma: la magica mano che ferma la palla scagliata da Morata. Parare è il momento decisivo delle finali ai rigori. Segnarli – se così si può dire – è più …facile.

Due parole – Gigio Donnarumma, il giovane eroe, il portiere senza porta, se non quella della casa azzurra. Svincolato dal Milan in attesa di accasarsi, ha fatto dell’Italia la ‘propria unica csa? e l’ha portata in finale parando a Morata il tiro decisivo. Gigio ha 22 anni edè uno specialista. Con il Milan ne parò uno decisivo nel playoff di Europa League contro i potoghesi del Rio Ave. In carriera chi gli si è trovato di fronte ha spesso sbagliato. Fino a martedì erano 15 i penalty respinti in carriera da Donnarumma contro i 26 subiti: il ragazzo d’oro ne ‘acchiappa’ più della metà. In questo Europeo non gli era riuscito di fermare l’interista Lukaku, ma quella rete non è valsa a nulla agli avversari del temuto Belgio….

Germano Scargiali

Be the first to comment on "L’Italia, in finalissima, è in festa – L’Europa dei nazionalismi torna con inni e bandiere"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*